Scopriamo come pulire la piscina fuori terra dopo l'inverno

Pubblicato il : - Categorie : Blog

È tempo di pulizie di primavera: scopriamo come pulire la piscina fuori terra dopo l’inverno.

La tipologia di piscina più diffusa nelle case degli italiani è di certo quella fuori terra. Il primato di queste piscine è dovuto ai numerosi vantaggi che vantano, tra i quali:

  • La facilità con la quale possono essere spostate da un luogo ad un altro;
  • La possibilità di essere richiuse e riposte durante la stagione invernale;
  • Il costo più contenuto rispetto alle piscine interrate e l’assenza di permessi da richiedere per la loro installazione;
  • La possibilità di rimanere installate durante l’inverno, previa copertura tramite appositi teli.

Il primo passo per risvegliare la tua piscina: togliere il telo invernale

Prendiamo in considerazione proprio quest’ultimo caso, quello in cui la nostra piscina fuori terra è rimasta coperta per tutto l’inverno. Il telo che l’ha preservata dal freddo e dalle intemperie per tutta la stagione invernale, realizzato in un materiale apposito e trattato per resistere al gelo e ai raggi UV, ha terminato il suo compito ed è pronto per essere deposto in vista della stagione estiva. Ma come togliere il telo per la piscina? L’operazione è molto semplice ed agevole, in particolare nelle piscine fuori terra. Sarà necessario sganciare i tiranti che mantengono la copertura tesa e aderente alla vasca e lasciarla asciugare completamente. Solo quando sarà completamente asciutta, per evitare che l’umidità e la condensa rovinino il materiale plastico, sarà possibile ripiegarla e riporla fino alla stagione successiva.

Secondo step: pulizia approfondita

La pulizia della piscina fuori terra a inizio stagione è un’operazione che, contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, può essere comodamente svolta a vasca piena. Ricordiamo che non serve riempire nuovamente la vasca: quest’ultima, per evitare danneggiamenti e glaciazioni, è rimasta piena di acqua durante tutta l’invernata.

Dopo aver opportunamente pulito con le apposite spazzole tutta la superficie interna della vasca, si può procedere alla pulizia degli skimmer facendo scorrere l’acqua nelle tubazioni.

Terzo passaggio: trattamento per l’acqua.

Il trattamento dell’acqua della piscina è, ad inizio stagione, uno step molto importante per garantire la disinfezione e l’igiene della piscina. Questo trattamento, effettuato nell’ottica di eliminare i microrganismi sopravvissuti alla prima fase di pulizia, permette di igienizzare e sterilizzare tutte le componenti della piscina: pareti, fondo, filtro, tubazioni. I prodotti utilizzati sono solitamente a base di cloro e la loro quantità varia a seconda dello stato di contaminazione dell’acqua e all’ampiezza della vasca.

Sono a questo punto si può procedere portando i parametri di cloro e PH a livelli ottimali. Se all’apertura della piscina non sai quanto cloro utilizzare, l’operazione è semplice: basta diluire dai 10 ai 15 grammi di questa sostanza per ogni metro cubo di acqua della piscina.

Sei pronto? Ora non ti resta che immergerti e prepararti a vivere a pieno la tua estate!

Aggiungi un commento

 (con http://)